Segheria Carlet
Da noi
Case in legno

Case in legno


Gli edifici in legno stanno guadagnando un'importanza sempre crescente, proponendosi come valida alternativa a quelli costruiti con altri materiali da costruzioni. La velocità di realizzazione, il benessere abitativo, l'elevato risparmio energetico, la duttilità dei sistemi costruttivi e la durabilità degli stessi sono caratteri che rendono tale tipologia costruttiva competitiva nei confronti dei sistemi costruttivi “tradizionali”.
Esponiamo le principali caratteristiche :

Case sostenibili
Partendo proprio dalla sostenibilità è importante considerare che il legno (oltre a un bilancio energetico decisamente interessante rispetto ad altri materiali) usato nell'edilizia mantenga immagazzinata nella sua vita nominale una notevole quantità di CO2 che quindi non viene liberata nell'atmosfera. Si calcola che ogni metro cubo di legno utilizzato, in sostituzione di un altro materiale da costruzione, riduce le emissioni di CO2 nell'atmosfera di una media di 1,1 tonnellate di CO2 (fonte: Tackle Climate Change: Use Wood - European Panel Federation, 2008).

Case più sicure
Tra le altre caratteristiche che fanno del legno un eccellente materiale da costruzione c'è anche l'elevato rapporto resistenza-peso (pari a quello delle strutture in acciaio e quattro volte superiore a quello del calcestruzzo) che consente la realizzazione strutture leggere e, con l'adozione di sistemi di connessione duttili e particolari accorgimenti costruttivi, particolarmente resistenti alle scosse telluriche. E al fuoco, aggiungiamo. Il secondo requisito essenziale della Direttiva Prodotti da Costruzioni (CDP 89/106 ora Regolamento 305/2011) stabilisce infatti che tutte le opere edilizie devono essere progettate e costruite in modo che, in caso di incendio, si possa assumere: una durata certa della capacità portante della costruzione; siano limitate la generazione e la propagazione di fuoco e fumo all'interno dell'opera; sia limitata la propagazione del fuoco alle opere vicine; gli occupanti possano abbandonare l'opera o essere soccorsi in altro modo; sia considerata la sicurezza delle squadre di soccorso.
Per quanto riguarda le strutture in legno e il relativo concetto di “resistenza al fuoco” è ormai noto che stiamo parlando in termini di grande affidabilità - Infatti, poco al di sotto dello strato carbonizzato superficiale e quindi a temperature inferiori a 100-120 °C, il materiale mantiene pressoché inalterate le proprie caratteristiche meccaniche. A differenza di altri materiali che, una volta raggiunto il punto di fusione collassano strutturalmente senza alcun preavviso, il legno dimostra un comportamento prevedibile”. Comportamento facilmente riconducibile a regole di progettazione.

Risparmio Energetico
Un altro aspetto importante è quello legato al valore di conducibilità termica che risulta molto inferiore rispetto ad altri materiali da costruzione (da tenere presente che più bassa risulta essere questa grandezza, maggiore sarà l'effetto coibentante della struttura). Tale fattore fa capire immediatamente l'elevato potenziale del materiale nei confronti dell'isolamento invernale. Per quanto riguarda l'”isolamento estivo” ha particolare importanza la diffusività termica (ossia l'attitudine del materiale a trasmettere una variazione di temperatura); minore sarà la diffusività, migliore sarà la prestazione di isolamento estivo.

Tratto da:
FederlegnoArredo.
(Emanuele Orsini, Consigliere incaricato Gruppo Case ed Edifici a Struttura di Legno )